FATTURAZIONE TIA

Come previsto dal decreto Ronchi e successive modifiche, e' previsto che con la TIA si copra il 100% dei costi del servizio integrato di igiene ambientale ( spazzamento stradale, raccolta e smaltimento rifiuti, ecc.) pertanto tutti i Comuni dovevano attuare il passaggio dalla TARSU (Tassa Rifiuti Solidi Urbani) alla TIA (Tariffa Igiene Ambientale) entro il 2006. Con le leggi finanziare del 2007 e 2008 questo passaggio è stato sospeso in attesa dell'entrata in vigore del nuovo sistema previsto dal codice ambientale. Quindi, per tutti i comuni che non avevano ancora effettuato il passaggio da TARSU a TIA non è stato possibile applicare la fatturazione a tariffa.

Il comune di Robecco Sul Naviglio è rientrato quindi in quesi comuni che avevano già effettuato il passaggio poi sospeso, infatti attualmente Aenne Linea Ambiente gestisce la fatturazione TIA del comune stesso.

Come si calcola la Tariffa

  • una quota fissa, per la copertura dei costi di spazzamento stradale, investimenti, ammortamenti, spese generali e amministrative.
  • una quota variabile che dovra' coprire le spese di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti.

Tariffa utenze domestiche : la quota fissa si calcola sulla base dei mq. dell'abitazione mentre la quota variabile è calcolata tenendo conto delle persone che la occupano.

Tariffa utenze non domestiche : la quota fissa e quella variabile, differente a seconda della categoria di attivita', sara' calcolata sulla base dei mq. della superficie utilizzata.

Come si paga la tariffa

Aenne Linea Ambiente emette fatture trimestrali che saranno inviate a domicilio, con allegato apposito bollettino per il pagamento in posta. E' possibile anche domiciliare la fattura presso un Istituto di Credito o presso la Posta.

Come ridurre la Tariffa?

Migliorare la raccolta differenziata : ecco quattro validi motivi per differenziare

  1. i costi di smaltimento dei rifiuti indifferenziati sono molto piu' elevati di quelli per lo smaltimento della maggior parte dei rifiuti differenziati.
  2. per smaltire alcuni rifiuti differenziati (carta, plastica e legno) NON SI PAGA NULLA
  3. Carta, legno, vetro, ferro e olio vegetale, se differenziati correttamente possono essere venduti, ottenendo quindi dei ricavi
  4. Per il riciclaggio di carta, plastica, metalli e legno i consorzi di filiera erogano ai gestori del servizio dei contributi che sono tanto maggiori quanto piu' alta è la qualita' del rifiuto differenziato (carta selezionata, plastica senza materiale estraneo)

Ridurre la produzione di rifiuti : ecco alcuni suggerimenti per ridurre i rifiuti :

  1. Riutilizzare il rifiuto organico (umido) per la realizzazione di compostaggio domestico.
  2. Utilizzare per la spesa quotidiana apposite borse durevoli (es. in tela di cotone) o riutilizzare le borse di plastica in distribuzione presso gli esercizi commerciali.

RICORDA

+ RACCOLTA DIFFERENZIATA = -COSTI + RICAVI

- COSTI + RICAVI = RISPARMIO